Rino Gattuso risponde sui problemi del suo Milan

Rino Gattuso risponde sui problemi del suo Milan

L’allenatore del Milan Gennaro Gattuso, alla vigilia dell’incontro con l’Atalanta ha risposto alle domande dei giornalisti sui problemi della squadra rossonera. I dirigenti dopo la sconfitta con il Verona per 3-0 hanno deciso di annullare la cena di Natale e portare tutti in ritiro. Ma secondo il tecnico ex Primavera, il problema della sua squadra non è tanto come si allenano durante la settimana: “Quando parlo di veleno – spiega l’allenatore milanista – dico che bisogna dare qualcosa in più, che non vuol dire spaccare le gambe agli avversari. Il ritiro ci deve servire in questo senso. Si allena la mentalità, in questo momento si deve cercare la condizione. La mia squadra spesso non percepisce il pericolo. Quando dobbiamo fare un metro in più o non dare campo agli avversari lo facciamo sempre in seconda battuta. E la colpa è mia, spesso diamo la sensazione di non preparare le cose. Ma non sono Padre Pio, corriamo poco e ora siamo terzultimi per chilometri percorsi, prima penultimi. Piano piano”. “Questa maglia – spiega ancora Gattuso – è importante e gloriosa, va onorata. Con tutto il rispetto, non si può fare un punto fra Benevento e Verona. Rimedio antico? Sono state scritte tante falsità. Nessuno si è ribellato, se avessi visto qualche lamentela sarei stato il primo a dirlo ai giornalisti. Non ho peli sulla lingua”.

Ripensamenti per aver accettato di allenare il Milan?
“Sapevo che c’erano delle difficoltà, che c’era da lavorare quando ho accettato. Non ho mai avuto tentennamenti, ma mi sento addosso la responsabilità. Bonucci? È un esempio. E lo stesso dico per Gigio Donnarumma, nessuno dei miei giocatori mi ha detto che non ci vedremo più fra poco. Leonardo è seguito dai compagni e si assume le responsabilità per primo. Se va a cena con due ex compagni della Juve può far scalpore, ma non è un problema”.

Riguardo al ritiro a quanto pare continuerò anche dopo Natale, per preparare il derby di Coppa Italia con l’Inter: “Spero che i tifosi ci aiutino con l’Atalanta, dobbiamo portarli dalla nostra parte. Se faremo schifo, spero di ricevere fischi sono alla fine”.

Sulle critiche di Berlusconi
“Berlusconi vuole le due punte e il trequartista? Me lo ha detto dal primo giorno in cui sono arrivato, non è una novità. Io devo valutare le caratteristiche dei giocatori che ho. In realtà Suso ha giocato spesso dietro la punta e ho varato altre soluzioni, ma non voglio fare polemica col presidente. È una persona che stimo da tempo”.

Milan-Atalanta
Gattuso sulla squadra bergamasca che la squadra rossonera affronterà domani allo Stadio Giuseppe Meazza alle ore 18, ha detto: “Loro volano, non mollano un centimetro e migliorano partita dopo partita, nonostante l’Europa”. Per chi volesse effettuare una scommessa sull’incontro può dare un’occhiata nei migliori casino del mondo nelle varie sezioni dedicate alle scommesse.

Related posts

Leave a Comment